Risorse umane e lavoro: 5 libri per affrontare le nuove sfide

Risorse umane e lavoro: 5 libri per affrontare le nuove sfide

Uomo-macchina: due ruoli contrapposti o è possibile una cooperazione tra le due parti? E come ripensare il concetto di etica in questo mondo sempre più tecnologico? L’area più coinvolta nel cambiamento digitale tra innovazione ed etica è proprio quella delle Risorse Umane, avviate ormai verso una grande trasformazione che prevede l’uso di Intelligenza Artificiale, Machine Learning e Big Data

In particolar modo sarà l’Intelligenza Artificiale ad assumere un ruolo sempre più dominante all’interno del mondo del lavoro. I cinque libri che vi proponiamo qui di seguito analizzano questo fenomeno, studiandone gli impatti sulla società, facendo previsioni e fornendo suggerimenti su come affrontare questi cambiamenti tecnologici in cui, nonostante tutto, il fattore più importante continuerà ad essere quello umano.

Intelligenza artificiale e lavoro.
Costruire un nuovo paradigma
occupazionale

di Luis Jorge CevascoJuan Gustavo CorvalánEnzo Maria Le Fevre Cervini

Descrizione: Introdurre l’intelligenza artificiale nel mondo del lavoro è indubbiamente una delle sfide principali della modernità: la possibilità di avere processi di automazione in grado di aumentare precisione e velocità va infatti di pari passo con la preoccupazione che questo generi disoccupazione. Il libro cerca di affrontare questo dilemma prendendo in esame il caso di “Prometea”, un sistema di intelligenza artificiale creato da IALAB e testato presso alcune istituzioni pubbliche in Argentina con lo scopo di studiare l’impatto dell’intelligenza artificiale sugli interessi generali della società

Gli autori: Luis Jorge Cevasco è co-direttore del Laboratorio di innovazione e intelligenza artificiale della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Buenos Aires; Juan Gustavo Corvalán è co-creatore e responsabile dell’implementazione del sistema di intelligenza artificiale Prometea; Enzo Maria LeFevre Cervini è Consigliere d’Amministrazione della Fondazione Adriano Olivetti e Docente di Governance del Digitale presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università della Tuscia.

Descrizione: Occupazione e intelligenza artificiale:  quali saranno le conseguenze? Cercano di dare risposta a questa  domanda Dunia Astrologo, Andrea Surbone e Pietro Terna attraverso analisi e considerazioni che vedono scendere in campo l’approccio concreto di Astrologo, la fantasia di Terna e la proposta utopica di Surbone.  Introduzione di Adam Smith.

Autori: Dunia Astrologo attualmente è membro del Comitato Scientifico dell’Istituto piemontese A. Gramsci;  Andrea Surbone, scrittore ed editore si occupa di politica; Pietro Terna è stato professore ordinario di Economia politica nell’Università di Torino, adesso svolge attività didattica in forma seminariale nel campo delle applicazioni della simulazione in economia.

Tecnologia e Risorse Umane

di Nicola Comelli, Cristian De Mitri

Descrizione: In un mondo sempre più digitale, fatto di algoritmi e intelligenza artificiale, diventa importante non perdere di vista il fattore umano, anzi: la persona andrebbe posta al centro di questa sfida che vede il digitale come un mezzo per riscrivere la stessa funzione sociale del lavoro. Ma come possono le aziende non perdere di vista la persona? Il libro  cerca di spiegare come affrontare questo cambiamento tecnologico tanto decisivo per ognuno di noi.

Autori: Nicola Comelli è giornalista e consulente in comunicazione d’impresa, oltre che cofondatore di Eggup, startup innovativa per la misurazione delle soft skills; Cristian De Mitri è laureato in Ingegneria Biomedica all’Università Campus Bio-Medico di Roma, ha lavorato come consulente nel settore Difesa e Spazio ed è cofondatore di Eggup.

Descrizione: Che cosa distingue un uomo da una macchina? Troppo spesso dimentichiamo ciò che ci rende davvero unici e inimitabili: compassione, curiosità, capacità di sorridere e di fidarsi ma anche di esitare. La programmazione, per quanto necessaria, non è davvero in grado di dare soluzioni ai problemi: è necessario l’incontro tra il “principio speranza” con il “principio responsabilità”, due componenti umane che non possono essere riproducibili con l’intelligenza artificiale. La speranza, sostiene Morace, è che dovendosi confrontare con machine learning e apprendimento automatico, l’uomo possa finalmente rendersi conto della sua unicità, sfruttando in maniera consapevole e sensata le nuove forme di intelligenza verso un mondo migliore. Verso un futuro più umano.

Autore: Francesco Morace, sociologo e saggista, lavora da oltre trent’anni nell’ambito della ricerca sociale e di mercato. È Presidente di Future Concept Lab e ideatore del Festival della Crescita.

Descrizione: La rivoluzione digitale è in pieno svolgimento e l’Intelligenza Artificiale sostituirà a breve l’uomo in molte attività. Le domande sorgono spontanee: anche le macchine intelligenti potrebbero diventare in grado di pensare? I robot si sostituiranno completamente all’uomo nel lavoro? Come si può ripensare l’istruzione nell’epoca digitale? A questi e altri quesiti hanno provato a rispondere anche libri e i film di fantascienza, sostenendo l’urgenza di un nuovo umanesimo, un “umanesimo digitale” che si distingue dalle visioni apocalittiche del futuro perché confida nella ragione umana.

Autori: Nathalie Weidenfeld ha studiato americanistica conseguendo il dottorato di ricerca presso la Freie Universität di Berlino. Ha scritto diversi romanzi e saggi e ha lavorato come docente di cinema; Julian Nida-Rümelin è uno dei più noti intellettuali tedeschi. Ha studiato filosofia e fisica, è stato Ministro della Cultura nel primo governo Schröder e oggi è ordinario di Filosofia e Scienze Politiche all’Università di Monaco di Baviera.

Avete letto qualcuno di questi libri? Ne conoscete altri che trattano questi temi? Fatecelo sapere commentando l’articolo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>